Codice Y vs X

Donna e Uomo… Ma quando è stato deciso dal “Supremo” di metterli in coppia, non è che fosse distratto? Scherzo, ma non è affatto facile la buona intesa mentale tra di loro e parlerò di questo perché è il sasso nelle scarpe di entrambi. Premesso che la verità probabilmente non esiste e che esistano le “proprie verità”, ecco cosa il mio spirito arguto, aggiunto agli ascolti confidenziali in materia, ha scoperto negli anni. Siamo diversi, soprattutto mentalmente: L’uomo è semplice, elementare e abile nello studiare la donna; La donna è sensibile, materna (ma anche no) e complicata. Si, noi donne abbiamo la capacità di creare formule algebriche coi pensieri, quindi rompiamo le scatole facilmente, siamo precisine e notiamo anche l’aria che circola intorno al nostro uomo. L’uomo è accomodante, evita questioni ma si sente spesso messo in disparte dalle attenzioni della sua donna. Ed ecco uno spaccato di frasi comuni dette dagli uomini: “mi trascura” “pretende che la porti a fare shopping” “mi rimprovera sempre” “fa questioni per sciocchezze ed è esaurita”; Le frasi delle donne: “mi trascura e non fa nulla in casa” “non mi nota manco se sto vestita carina” “pensa solo al calcio e agli amici” “sta sempre meno tempo in casa con la scusa del lavoro”.

Y vs X

Beh, direi che a conflitti siamo ben forniti, nessuno è contento, tranne nel primo periodo di frequentazione. Soluzioni? Alcuni uomini l’hanno trovata! L’isola felice che udite udite è quasi sempre un’”amica” di famiglia, giusto per non destare sospetti: è colei che ascolta la moglie infranta e agisce con astuzia nel rapporto con l’amante. Alcune donne, diciamo scontente, hanno trovato anch’esse la soluzione e anche in questo caso è un amico di famiglia. C’è stato un tempo in cui ho pensato: possibile che il coniuge con piccole protuberanze in fronte, non se ne accorga? Che sciocca! Oggi ho scoperto che per una questione economica, di affezione al tetto coniugale (inteso come casa), e per tacita consapevolezza velata, si rimane insieme “felicemente”. Poi ci sono le donne ardite, quelle stile Giovanna D’arco, le sincere, le corrette che, insofferenti fino all’ultimo capello sulla testa, separano il matrimonio (e purtroppo tra queste ci sono anche io) e assorbono per parecchi anni le conseguenze di ripicche e difficoltà.  Oggi ho capito che “queste” sono proprio sceme e masochiste…. ennà suffrì, invece di fare buon viso e cattivo gioco! Poi ancora ci sono gli uomini che abbandonano il rapporto (rarissimo) perché hanno trovato una compagna che vale la scelta. Siamo così diversi, uomo e donna! Davvero penso che solo il vero amore possa “velare” i difetti e trasformarli in buona convivenza. Ma il vero amore è raro anch’esso e lo si capisce dopo i 40 anni….prima si ha una cognizione infantile e ciò che è un’infatuazione viene chiamato amore: a volte si trasforma in esso, altre volte si comprende cosa fosse dopo almeno 10 anni. Uomo e donna, pianeti che vagano nella galassia: ogni tanto ne incontrano uno che sembra simile e si soffermano a sostare su una panchina fatta di stelle che ahimè un giorno diverranno meteore. Tutto ha un tempo determinato: la vita, la natura e anche le stelle. Chissà cosa farà funzionare davvero un rapporto, però di una cosa sono certa: se si aggiunge a un sentimento vero, la sincerità assoluta, la voglia di battersi per esso, un po’ di buon senso e tanto rispetto, le cose potrebbero anche funzionare….chissà! Stefania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *