Guarire l’Anima….

Forse qualche persona ha fiducia perché so ascoltare, forse mi ritiene forte e determinata per le mie azioni, forse vengo scelta per un’empatia incomprensibile che concede quel lasciarsi andare come un fiume in piena….non so, ma mi ritrovo a consolare anime in pena semplicemente rivelando come io sia uscita dalla medesima situazione. Spesso i tormenti riguardano le storie finite in cui è così difficile rinascere. Questo post racconterà semplicemente la mia esperienza di vita che forse, potrebbe servire. Quando anche io mi sono trovata a fare i conti col fallimento di un rapporto importante, ho conosciuto lo strazio di un dolore fisico che tale non è, ma fa così male. Non sapevo da dove cominciare, cosa dire, cosa fare, so solo che quel lutto dovevo elaborarlo per me stessa, perché la negatività avrebbe travolto i pensieri e rischiavo di conoscere la depressione. Poi, un giorno, ho preso un foglio ed ho tracciato una riga verticale al centro. A sinistra ho titolato “Ricordi Belli” a destra “Ricordi Brutti”. Eravamo io e quel foglio e sapevo che avrei potuto confidare le pene dell’Anima, quei segreti inconfessabili che spesso non si dicono per Amore. Si, avevo deciso di scrivere, non quello che avevo lasciato percepire, le parole non dette, i rimproveri mai fatti, le umiliazioni che lui non immaginava, ma ciò che avevo “SENTITO” sul serio, le dimensioni reali dei miei sentimenti, delle mie paure, delle mie delusioni. Ho cercato di annotare i ricordi più impressi: I belli, c’erano ma, quando ho cominciato a scrivere i più umilianti, quella lista cresceva, scrivevo di getto, tanto ero solo in compagnia della mia Anima, stavo tranquilla…. Ohhhh, quante parole mai dette, quanti disagi mai espressi…. e la lista cresceva ancora. Poi, ho smesso, mi ero stancata, per me ero stata esaustiva, bastava ciò che quell’inchiostro aveva impresso. Prima di rileggere, ho preferito calmare quell’impeto di rabbia che dimorava in Me, poi ho cominciato a leggere: i ricordi belli mi hanno fatto sorridere e scaturito un malinconico rimpianto; i ricordi brutti….. ma quanti erano? Che disastro! L’impeto mi aveva rabbuiato lo sguardo, non avevo idea di quanto fosse lunga quella lista! Leggevo, mentre quell’acqua salata prodotta dagli occhi, scorreva senza fine. E’ alla fine di quella lettura che ho deciso di forzare la mia natura e di rinascere, di ritrovarmi, di cominciare ad amarmi, di sapere cosa avrei desiderato per me, ma soprattutto cosa non avrei voluto mai più che accadesse! Era cambiato il mio modo di vedere il passato e osservare quella lista lunghissima di ricordi brutti è stato il preludio di un nuovo inizio, quello che avrei finalmente voluto, quello che avrei meritato. Quel foglio l’ho portato nel portafoglio, ripiegato, in modo da rileggerlo ogni qual volta il sorriso desiderava divenire pianto e l’ho buttato via, dopo ben 3 anni, quando ho sentito che non mi sarebbe servito più. A tutti coloro che soffrono per Amore, uomini o donne che siano, consiglio di agire come me: non so se possa essere la strada giusta, ma so che ha funzionato facendo rinascere il sole che era sopito nella mia Anima. Stefania