La calma della sera

E come un cambiamento climatico repentino, viene sera e lascio elaborare i pensieri. Penso che sia un po’ il destino di coloro che hanno una sensibilità elevata, stati d’ansia, precisione, perché si assorbono piccoli tormenti che chiamerei sensi di colpa, i quali sono nella fila infinita di problematiche sospese, da risolvere.  So con certezza che applicandomi di giorno, riesco a destreggiarmi bene tra essi, ma di sera sembra succeda tutto al rallenty, un effetto moviola indesiderato che ti intristisce un po’. Insomma, guai se ci si ferma, l’elaboratore di pathos diventa d’un grigio odioso e ci si arrovella. Una soluzione? Chiacchierare, dedicarsi agli hobby, ascoltare musica o seguire un film appassionante. A tutto c’è rimedio, soprattutto quando provi a scaturire un po’ di dolcezza dentro di te, così quelle piccole tristezze emotive diverranno la consapevolezza di altri granelli di saggezza pronti ad aiutarti nello scrivere nuove pagine di vita…  Stefaniacielo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.